News

10/07/2020 - Per ottenere il superbonus del 110% sui lavori antisismici non è richiesto il miglioramento della classe sismica e la qualità degli interventi non è legata ad alcuna premialità; aumentano le responsabilità dei professionisti; la scadenza del 31 dicembre 2021 è troppo vicina: cosa accadrà dal 2022?   Ad accendere i riflettori sulle criticità del sismabonus 110% è l’Associazione Ingegneria Sismica Italiana (ISI) con un comunicato del Presidente Andrea Barocci.   Sismabonus 110% senza premialità scoraggia i lavori più efficaci ISI fa notare che il comma 4 dell’articolo 119 del Decreto Rilancio, come modificato dalla Camera, pur citando il DM 58/2017, di fatto elimina ogni premialità legata alla classificazione e innalza al 110% la detrazione per qualsiasi intervento strutturale, anche per quelli generici legati al bonus ristrutturazione e quindi fino ad oggi ricompresi.. Continua a leggere su Edilportale.com

10/07/2020 – Quali condizioni devono rispettare le imprese di costruzione immobiliare, che acquistano un edificio esistente ed effettuano interventi di efficientamento energetico e sismico, per fruire dei benefici fiscali introdotti dal Decreto Crescita?   A ribadirlo l’Agenzia delle Entrate nella Risposta 203/2020 in cui tratta il caso di una società che intende acquistare tutte le unità abitative (sei appartamenti) di un unico fabbricato per eseguire gli interventi di valorizzazione edilizia. Le sei unità immobiliari costituiscono l’intera porzione abitativa del fabbricato, ma non l’intero edificio in assoluto poiché esistono anche due vani al piano terra, un’autorimessa (C/6) e un negozio (C/1) di proprietà di persone estranee alla società e che non rientrano nell’operazione.     Valorizzazione edilizia: cosa prevede il Decreto Crescita L’Agenzia ha ricordato che Dl Crescita.. Continua a leggere su Edilportale.com

10/07/2020 - Un piano pluriennale per la manutenzione, l’adeguamento e il rinnovo degli edifici scolastici, con alleggerimento del carico burocratico e conseguente velocizzazione degli interventi.   Sono gli obiettivi del Protocollo per l’ammodernamento del patrimonio edilizio scolastico siglato ieri dai Ministeri dell’Istruzione e delle Infrastrutture, da ANCI e UPI e da FenealUil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil per pianificare anche agli interventi necessari per l’adeguamento alle misure di sicurezza legate all’emergenza sanitaria Covid-19.   Scuole, sarà antisismico, accessibile e sostenibile il 100% degli edifici Il Protocollo individua l’edilizia scolastica come ‘priorità’ da portare avanti anche terminata l’emergenza sanitaria in un’ottica pluriennale. In particolare, si legge nel documento, “il Governo e l’Unione Europea, attraverso specifici trasferimenti, anche straordinari, devono.. Continua a leggere su Edilportale.com

10/07/2020 – I professionisti pugliesi a basso reddito potranno richiedere un contributo di 2 mila euro per contrastare gli effetti negativi innescati dalla crisi epidemiologica Covid19.   Dal 15 luglio, infatti, sarà attiva la piattaforma di Sistema Puglia per le candidature alla misura START, con la quale la Regione Puglia stanzia, complessivamente, circa 125 milioni di euro per lavoratori autonomi, partite IVA e professionisti con reddito dichiarato non superiore ai 23 mila euro.   Con START la Regione Puglia ha pensato ad un contributo una tantum del valore di 2000 euro, che si può sommare al contributo nazionale, da concedere tramite una procedura a sportello.     Contributo per professionisti: i beneficiari della misura La platea beneficiaria della misura START riguarda: - i liberi professionisti titolari di partita iva attiva alla data dell’istanza, compresi i partecipanti agli studi associati, costituiti esclusivamente.. Continua a leggere su Edilportale.com

10/07/2020 - Una casa oltre ad essere confortevole deve essere anche funzionale e rispondere alle esigenze dei suoi abitanti. La funzionalità di una casa si esprime anche attraverso l'insieme degli impianti che la costituiscono e che sono delle vere e proprie reti di servizi di utilità. Tra gli impianti rientrano l'impianto idro - sanitario, l’impianto elettrico, l’impianto di riscaldamento e/o raffrescamento, l’impianto per la distribuzione del gas, a cui se ne possono aggiungere altri quanto il sistema degli impianti tende verso un livello domotico. Nell'ambito di una ristrutturazione non sempre tutti gli impianti vengono rifatti ex novo, dipende se si tratta di una ristrutturazione totale o parziale. Di solito l'impianto elettrico e quello idro - sanitario sono oggetto di rifacimento completo, mentre l’impianto di riscaldamento è quello che si cerca di "conservare". La modalità di posa degli impianti.. Continua a leggere su Edilportale.com

09/07/2020 - Il superbonus 110% per la realizzazione fino al 31 dicembre 2021 del cappotto termico, la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie ad alta efficienza, la demolizione e ricostruzione di edifici, l'installazione di fotovoltaico, colonnine di ricarica e la messa in sicurezza antisismica assume i suoi connotati definitivi.   Ieri la Camera ha dato la fiducia al Governo sul disegno di legge di conversione del Decreto Rilancio (DL 34/2020) che, agli articoli 119 e 121, disciplina le detrazioni al 110% e le modalità per usufruirne. Oggi è arrivato il voto favorevole di Montecitorio sul provvedimento, che passerà al Senato per essere definitivamente licenziato non oltre il 18 luglio.   SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL SUPERBONUS 110%   Superbonus 110%: cappotto, caldaie e antisismica Possono ottenere il superbonus gli interventi di: - isolamento termico delle superfici.. Continua a leggere su Edilportale.com

09/07/2020 – Nuovo sprint per l’edilizia scolastica in vista della riapertura di settembre: la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha firmato un decreto che mette a disposizione di Province e Città Metropolitane 855 milioni di euro per la manutenzione straordinaria delle scuole superiori.   In più, il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato la graduatoria degli enti locali beneficiari del finanziamento per interventi di ‘edilizia leggera’.   Scuole: in arrivo 855 milioni per la manutenzione straordinaria In arrivo 855 milioni per il finanziamento di interventi di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico a favore di edifici scolastici di Province e Città metropolitane.   La Ministra Azzolina, infatti, ha firmato il decreto, sottoscritto anche dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, con il quale vengono stanziate le risorse che interessano le scuole secondarie.. Continua a leggere su Edilportale.com

09/07/2020 - “Ricorrere a deroghe così ampie sull’applicazione delle norme vigenti può essere giustificato solo in condizioni di particolare urgenza, come nel caso del crollo del Ponte di Genova, ma non può certamente costituire un modello da seguire nelle attività ordinarie”.   Così Giuseppe Cappochin, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) sulle nuove norme per gli appalti pubblici introdotte dal DL Semplificazioni.   “Pur riconoscendo che le Autorità competenti - prosegue il CNAPPC -, i Dirigenti, le imprese ed i liberi professionisti coinvolti nei lavori hanno lavorato bene, ricostruendo il ponte in meno di due anni dal crollo, bisogna ricordare che le deroghe al Codice hanno di fatto consentito affidamenti fiduciari che, a regime ordinario, finirebbero per compromettere la trasparenza e libera concorrenza, tagliando fuori dal mercato dei.. Continua a leggere su Edilportale.com

09/07/2020 - Non essere discriminati quando si tratta di riconoscere misure di sostegno economico alle imprese in difficoltà (leggi soprattutto il contributo a fondo perduto); essere ascoltati in merito alla complessità normativa e alle criticità operative delle iniziative intraprese dal Governo; essere tenuti in considerazione dallo Stato per quello che sono, ossia una risorsa per la crescita e il futuro del Paese su cui bisogna investire.   Sono le richieste delle associazioni dei giovani professionisti italiani - ingegneri e architetti, geometri e periti industriali, avvocati e notai, consulenti del lavoro e assistenti sociali - che ieri pomeriggio hanno dato vita ad un “sit-in di proposta” davanti a Montecitorio.   I giovani professionisti under 40 rappresentano circa 1 dei 2,3 milioni di professionisti italiani, il loro lavoro contribuisce in maniera notevole al Pil nazionale ma si sentono trascurati dalla politica, non adeguatamente.. Continua a leggere su Edilportale.com

09/07/2020 – L’installazione di un sistema di allarme e di un videocitofono permette di accedere alle detrazioni 50% per ristrutturazione e bonus mobili?   A rispondere alla domanda l’Agenzia delle Entrate tramite la posta di FiscoOggi.   Videosorveglianza: ok al bonus ristrutturazione L’Agenzia ha ricordato che gli interventi sulle singole unità immobiliari effettuati per prevenire atti illeciti da parte di terzi (come, per esempio, l’istallazione di allarme o di sistemi di videosorveglianza digitale) danno diritto alla detrazione del 50% delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici.   Ha, però, specificato che per atti illeciti si intendono quelli penalmente illeciti (per esempio, furto, aggressione, sequestro di persona) e che, in questi casi, la detrazione si applica solo alle spese sostenute per realizzare interventi sugli immobili. Non rientra nell’agevolazione,.. Continua a leggere su Edilportale.com