News

20/03/2019 – In arrivo nuove misure per la riqualificazione edilizia, energetica ed antisismica degli edifici. Le novità, che inizialmente avrebbero dovuto far parte del decreto “Sblocca Cantieri”, sono state invece inserite in un altro decreto, contenente le misure urgenti per la crescita economica, messo a punto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.   Sismabonus La bozza propone “l’estensione alle zone 2 e 3 del bonus previsto solo per gli edifici in zona 1”.   Anche se il testo non lo specifica, dovrebbe trattarsi dell’agevolazione per l’acquisto di case antisismiche, non di quello per la realizzazione dei lavori di adeguamento o miglioramento antisismico. Quest’ultimo, infatti, è già attivo per le zone classificate a rischio 1, 2 e 3. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL SISMABONUS   Se la proposta contenuta nel decreto per la crescita economica dovesse passare, chi.. Continua a leggere su Edilportale.com

20/03/2019 – In programma per il primo pomeriggio di oggi la discussione delle misure per sbloccare i cantieri fermi e aprirne velocemente di nuovi. Semplificazione del Codice Appalti, sostegno ai piccoli Comuni e snellimento degli interventi in zona sismica stanno per arrivare sul tavolo del Consiglio dei Ministri.   Codice Appalti, le modifiche urgenti Nel piano complessivo di revisione del Codice Appalti, oggi saranno gettate le basi per le prime modifiche considerate urgenti.   Si tornerà quasi sicuramente ad un unico regolamento attuativo, abbandonando il sistema di line guida Anac e regolamenti ministeriali monotematici. Il nuovo regolamento dovrà essere emanato entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione dello Sblocca cantieri.   Sarà eliminato l’obbligo di indicare la terna dei subappaltatori già nella fase di offerta, ma dovrebbe restare in piedi il tetto del 30%.   In caso di appalto.. Continua a leggere su Edilportale.com

20/03/2019 - Dopo il calo di gennaio a febbraio il mercato torna in campo positivo: le gare di sola progettazione sono state 227 (di cui 61 sopra soglia) per un importo di 58,1 milioni di euro (51,6 sopra soglia); rispetto a gennaio il numero cresce del 20,7% e il loro valore del 101,2%; rispetto a febbraio 2018 -33,2% in numero e -1,1% in valore.   Sempre per la sola progettazione, febbraio non riesce però a recuperare il calo di gennaio: nel primo bimestre 2019 le gare sono state 415, per un valore di 87,0 milioni di euro; rispetto al primo bimestre 2018 il numero delle gare si riduce del 30,9% (positivo il numero delle gare soprasoglia a +27,5%) e il valore del 3,0% (ancora positivo il valore delle gare soprasoglia a +33,5%).   Secondo l’aggiornamento al 28 febbraio dell’Osservatorio OICE-Informatel, nel primo bimestre 2019 per tutti i servizi di ingegneria e architettura sono state bandite 735 gare per un importo complessivo di 189,0 milioni di euro.. Continua a leggere su Edilportale.com

20/03/2019 - Uno stanziamento di 80 milioni di euro per un “Piano straordinario di messa in sicurezza delle strade”, rivolto ai comuni con meno di 2 mila abitanti delle aree interne del Sud e delle Isole.   Lo ha deciso la cabina di regia del Fondo sviluppo e coesione, presieduta dal ministro per il Sud Barbara Lezzi, nella riunione di lunedì scorso.   La Cabina di regia decide le assegnazioni programmatiche del FSC prima che la deliberazione del CIPE rendano le assegnazioni definitive e operative. Il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, era presente per l’Anci, nella veste di responsabile politico per le politiche di coesione territoriale.   La somma stanziata per il Piano di messa in sicurezza delle strade dei piccoli Comuni delle aree interne - spiega l’Anci in una nota -, verrà ripartita in quote uguali fra le otto regioni interessate, sarà disponibile per l’intero anno in corso e finanzierà.. Continua a leggere su Edilportale.com

20/03/2019 - È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 27 febbraio 2019 contenente una serie di modifiche agli indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa) approvati con i DM 23 marzo 2018 e DM 28 dicembre 2018, applicabili al periodo d’imposta 2018 e quindi nella dichiarazione dei redditi 2019.   Isa: le modifiche  Tra gli interventi correttivi contenuti nel decreto troviamo: - modifiche per le imprese che cambiano la loro contabilità, passando dal criterio di competenza a quello di cassa o viceversa; - misure di ciclo settoriale, necessarie per tener conto degli effetti economici dell’andamento congiunturale; - modifiche alla territorialità;  - indici di concentrazione della domanda e dell’offerta per area territoriale, per situazioni di vantaggio o svantaggio competitivo, secondo la collocazione territoriale. Il software realizzato dall’Agenzia delle Entrate, da utilizzare per l’applicazione.. Continua a leggere su Edilportale.com

20/03/2019 – Come ormai sappiamo, il BIM è un innovativo processo basato sulla raccolta e l'uso delle informazioni, geometriche e non geometriche, che riguardano la progettazione, la gestione e la manutenzione dell'opera costruita. Non esiste una definizione universalmente accettata di BIM, anche se diversi enti autorevoli hanno pubblicato definizioni in merito. Per la progettazione impiantistica (comunemente chiamata MEP, acronimo di Mechanical, Electrical and Plumbing) la definizione rilasciata dalla Cooperative Research Centre (CRC), ente di riferimento in Australia, è considerata la più adatta: “il BIM è una tecnologia model-based collegata a un database contenente le informazioni del progetto e la rappresentazione grafica, la documentazione per la costruzione e le analisi.” Un progetto BIM contiene tutte le informazioni relative all’opera e alla sua realizzazione, comprese le caratteristiche fisiche, funzionali e le.. Continua a leggere su Edilportale.com

19/03/2019 – Semplificazioni sì, ma senza toccare le conquiste del Codice Appalti in vigore. Così la Rete delle Professioni Tecniche (RPT) all’incontro di venerdì scorso con il premier, Giuseppe Conte, il vicepremier, Luigi Di Maio, e il Ministro delle infrastrutture, Danilo Toninelli.   Commentando le proposte contenute nella bozza di decreto "Sblocca Cantieri", RPT ha proposto nuovamente la sua idea di snellimento delle procedure per lo sblocco dei lavori, che non rinuncia alla qualità della progettazione.   Sblocca Cantieri, mantenere le conquiste del Codice Appalti “Il vigente Codice dei contratti pubblici - ha afferamto RPT - per i professionisti dell’area tecnica ha rappresentato una importante conquista. La separazione dell’attività di progettazione da quella di esecuzione, l’affidamento dei lavori sulla base del progetto esecutivo e la rigida delimitazione del ricorso all’appalto.. Continua a leggere su Edilportale.com

19/03/2019 – “Dalle parole ai fatti”. È l’appello lanciato dall’Associazione nazionale costruttori edili (Ance) dopo l’incontro a Palazzo Chigi con il Premier, Giuseppe Conte, il vicepremier, Luigi Di Maio, e il Ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli. Al centro del meeting la situazione delle infrastrutture e le norme per la velocizzazione dei lavori.   Il presidente dell’Ance, Gabriele Buia, ha valutato positivamente l’apertura del Governo, ma ha segnalato una serie di problemi urgenti da risolvere, anche alla luce delle proposte contenute nella bozza di decreto "Sblocca Cantieri", che domani approderà in Consiglio dei Ministri.   Alla riunione ha partecipato anche una delegazione di Confindustria, che ha sottolineato il calo degli investimenti causato, oltre che dalla crisi economica, da un sistema normativo ingessato.   Ance: norme troppo complesse L’Ance ha chiesto.. Continua a leggere su Edilportale.com

19/03/2019 - Reintroduzione dell’appalto integrato, potenziamento del potere di precontenzioso e di controllo dell’Anac, introduzione di regole semplificate per i piccoli Comuni. Sono le richieste formulate dall’Anci durante il tavolo istituzionale di venerdì a Palazzo Chigi sul tema delle infrastrutture, dello sblocco dei cantieri e delle modifiche urgenti al Codice Appalti.   Sblocca cantieri, Anci chiede norme più semplici Dopo aver appreso le proposte contenute nella bozza di decreto "Sblocca Cantieri", il presidente dell’Associazione nazionale Comuni italiani (Anci), Antonio Decaro, ha presentato una serie di proposte, tra cui la creazione di una regolazione più semplice, unitaria ed omogenea potenziando il potere di precontenzioso e di controllo di ANAC.   Partendo da questo presupposto, l’Anci ha chiesto il ritorno al regolamento attuativo unico del Codice Appalti, eliminando il sistema.. Continua a leggere su Edilportale.com

19/03/2019 - Un contesto socio-economico in forte mutamento, una committenza con nuovi bisogni e dinamiche, nuove competenze richieste ai progettisti e soluzioni tecnologiche innovative.   Sono questi gli elementi che delineano il quadro di profondo cambiamento che il mondo dell’edilizia ha affrontato negli ultimi anni e che stanno stimolando il dibattito facendo emergere visioni e soluzioni.   Per immaginare gli scenari dei prossimi 10 anni e discuterne insieme nel corso di Edilportale Tour 2019, abbiamo lanciato un sondaggio volto a capire quali sono i più nuovi prodotti e processi e le migliori tecnologie sul mercato, utili all’edilizia del futuro. Ecco i risultati.   I progettisti che hanno risposto al questionario sono per il 60% architetti e ingegneri e per il 20% geometri; oltre l’80% degli interpellati ha un’età compresa tra i 26 e i 55 anni; il 46% opera nel Sud e Isole, il 34% nel Nord e il 20% nel Centro.. Continua a leggere su Edilportale.com